1 di 23 TK_Benchmade Sibert Bushcrafter 13010 copia
Il 162 Bushcrafter di Benchmade è uscito dalla carreggiata in acciaio al carbonio con la sua lama in acciaio S30V e l'elevata rettifica piatta. Questo capolavoro, progettato da Shane Sibert, può fare tutto ciò che è richiesto per la caccia, la lavorazione del legno e il coltello per la sopravvivenza.

2 di 23 TK_Benchmade Sibert Bushcrafter 13012 copia

3 di 23 01 copia
L'autore ha scoperto che il 162 Bushcrafter si comporta altrettanto bene di un tradizionale coltello smussato scandinavo quando si fabbricano bastoncini fuzz.

4 di 23 02 copia

5 di 23 03 copia

6 di 23 04 copia

7 di 23 05 copia

8 di 23 06 copia

9 di 23 07 copia

10 di 23 08 copia

11 di 23 09 copia

12 di 23 10 copia

13 di 23 11 copia

14 di 23 12 copia

15 di 23 13 copia

16 di 23 14 copia

17 di 23 15 copia

18 di 23 16 copia

19 di 23 17 copia

20 di 23 18 copia

21 di 23 19 copia

22 di 23 TK_Benchmade Axis Flipper 13004 copia

23 di 23 TK_Benchmade Axis Flipper 13005 copia

Bushcraft è un argomento che tendo ad evitare nei forum di discussione online. (I guru del Web discutono spesso di sopravvivenza contro bushcraft, con alcuni che si oppongono ai kit degli altri perché non sono abbastanza "ricchi di arbusti"). Circa cinque anni fa è stato quando gli americani hanno preso il volo dell'idea e poi l'hanno portata avanti come se fosse del tutto nuova per l'universo. Una volta che i video dell'esperto di bushcraft Ray Mears facevano circolare Internet, le persone si stavano convertendo: i loro attrezzi e strumenti seguivano l'esempio. Ben presto, ogni coltellinaio personalizzato aveva un modello di bushcraft chiamato "il bushcrafter". A un certo punto, ricordo di aver contato quasi 25 coltelli tutti con lo stesso nome, la maggior parte dei quali sfoggiava una versione di una grinta scandinava. Pochi anni dopo i produttori di costume, una manciata di aziende di semi-produzione e di produzione completa saltò sul carro della banda.

Il termine "bushcraft" è stato vivo in Australia e nel Regno Unito per secoli, molto prima che la maggior parte degli americani ne sentisse parlare, quindi la pratica del bushcraft non è nulla di nuovo. Un secolo fa, i libri più influenti sulla vita e le abilità della natura selvaggia entrarono nel mercato mainstream e, a quei tempi, si chiamava semplicemente woodcraft. Tuttavia, la lavorazione del legno non aveva tante regole e quando la gente si recava nel bosco, il suo equipaggiamento era solitamente quello che si trovava nel cassetto della cucina o bloccato sul ceppo vicino alla legnaia.

Leggi di più nel numero di novembre 2013 di Tactical Knives ...